L’Egitto è stato creato perché tu te lo godessi!

Ma scusate ragazzi ma che c’entra l’Egitto??Non eravate in Portogallo?!

Tanti anni fa degli amici ci raccontavano i loro turbamenti sulla scelta del viaggio di nozze. Scegliere di andare in missione in Africa o destinare quei giorni a una semplice vacanza in Egitto a prima vista meno santa.

Il frate che li seguiva in preparazione al matrimonio disse al futuro marito ” Guarda che Dio ha creato l’Egitto perché anche tu te lo godessi!”

Questo piccolissimo episodio ci è venuto in mente oggi quando per il secondo giorno di fila non abbiamo fatto proprio nulla sul cammino e anzi abbiamo avuto la possibilità di visitare una bellissima spiaggia molto vicina a capo ovest, il punto più a ovest dell ‘Europa.

Con estrema calma sta mattina ci siamo alzati. A essere precisi solo i portoghesi si sono alzati con molta calma. Noi abituati al fuso figliare ben prima dell’alba eravamo svegli ( leggi “stati svegliati”). Abbiamo atteso parecchio un bar aperto e fatto colazione.

Sono io la sveglia!

Siamo partiti alla volta di Sintra città che noi conosciamo perché origine di un gioco che amiamo molto che si chiama appunto “Le vetrate di Sintra“. Lungo le vie del paese abbiamo visto tante case con vetrate e le tipiche mattonelle decorate.

Finalmente la spiaggia!

Di questa spiaggia sapevamo due cose : è così ventosa che ci si brucia anche con la felpa e le onde che si generano qui, sono stupende e molto grandi,quindi meta di surfisti. Preoccupati del primo aspetto ma desiderosi di vedere i surfisti abbiamo rischiato, e appena arrivati in una insenatura della montagna che abbraccia la spiaggia, abbiamo trovato il nostro rifugio dal sole e una croce piantata in una nicchia. Ferma li che ci aspettava.

Ci è sembrato bello e come se fossimo attesi da sempre così come siamo, pieni di disattenzioni, dimenticanze e limiti.

Vi lascio qualche foto e un saluto che ci ha ulteriormente commosso nella compieta di questa sera

Tu sei la mia roccia e il mio baluardo, *
per il tuo nome dirigi i miei passi

Rispondi