Pieni di Te

Oggi Gregorio parte in quarta. Alle 7,40 lo trovo a fare matematica. Dritto,filato, via veloce.
Grazie! Gesù ci siamo? Forse viaggia in autonomia?

Grazie perché nelle sue paure rivedo le mie e ho potuto affrontarle. Grazie perché quei occhi spauriti davanti al timore li riconosco. I miei hanno trovato pace solo in Te.


La Benny esce e va all’adorazione e ne approfitto per accompagnarla.
Tempo delle lodi con Te e torno.


In entrata Max mi chiede di venire in braccio. Tempo per togliere la giacca e Anna gli ruba il posto.
Iniziamo a costruire lego. Greg in tanto è passato a grammatica e la Benny tornata da fuori decide di fare un testo.


Una telefonata per sistemare alcune cose e Max mi chiede ancora di venire in braccio.
Signore perché solo due braccia???ma come fai tu?


Alla fine della telefonata correggo un tema e Benedetta si innervosisce per alcuni errori. Strappa tutto,lo rifà.
Arriva Gregorio con il lapbook di grammatica concluso e gli chiedo cosa sono gli aggettivi? Vuoto totale. Rispedito a finire davvero.
Crisi, ci siamo anche oggi…eh va be….


Anna strilla serve tetta e un po’ di nanna.


Quando torno Max mi corre in contro, finalmente in braccio. Due ore ha atteso, che forza!
Grazie, perché ne vorrei la metà per essere capace di attendere Te con la stessa calma ed insistenza.


Tento di preparare il pranzo tra;una stanca del tema l’altro della grammatica; e i lego ovunque. A un certo punto svoltano….io me li perdo….grazie che non sono sempre indispensabile.


Liti per la tavola. Ci siamo,pronti per mangiare ; si sveglia Anna. Grazie della fame e della capacità di attendere oltre la preghiera, perché inizio a mangiare quando tutti hanno finito.


Giochi,studio,giochi.
Nanna per i gemelli tante coccole….che grazia questi minuti in cui pretendono me accanto al loro letto con una storia e le coccole.


Rinuncio al caffè per quella cosa che Tu sai….che fatica oggi!


Scaldo il pasto per Miki…perché tarda?che voglia di vederlo….arriva dopo perché si è fermato per fare una cosa per me…grazie perché mi vuole bene in un modo a me imprevisto.
È un modo diverso che mi stana dalle mie finte sicurezze, dalla mia superbia di sapere di cosa ho bisogno, dalla pretesa di essere il centro di tutto.

Giornata dura oggi la sua…i pesi nel cuore a volte sono davvero duri….che forza che ha!

Chiedo a miki se posso andare alla coroncina….che grazia dipendere da lui e a volte dai suoi umori…non dipendere più dai miei tanto ballerini. L’obbedienza è così rilassante. A volte….

Corro…la Benny mi ha preceduto.
Arrivo in corte e arriva anche il don….coroncina….qualche racconto, qualche regalo inaspettato e ripartiamo.
Ci attendono i giochi,l’ allenamento,qualche studio,liti, fratelli,coccole,tetta,pannolino,tetta,pannolino….

Chiamo Annamaria, che belle le amicizie con Te grazie! Lei e Thomas sono gli amici che mai avremo scelto e sono un dono grande e padrini di Anna.
Preparo la cena con Ema che taglia le patate….le brucio al telefono con Annamaria….pace…a fare tre cose insieme.
Ema e max giocano in corridoio dalle scale….troppo silenzio….vado a vede ….terra in tutto il piano e per le scale. Le mie piante decapitate.
Grazie! Grazie che ci sono questi loro pasticci e una volta in più pulisco le scale che da vera cafona salto sempre il turno del condominio!

Cena….Anna ha sonno….urli,cibo per terra,fame, bicchiere rovesciato. Va bo dai, ci sta un bicchiere al giorno è segno che è tutto ok.
Grazie anche sta sera siamo tutti qui.

Mi godo ben due pagine di un libro mentre i figli sparecchiano. Anna irrompe…..sonno, tetta,dorme.
Torno in sala e c’è tempo per coccole, rassicurare che i cristalli li faremo domani,consolare un pianto,provare una febbre,e i grandi che giocano e vanno a letto in autonomia.

Grazie,miki ha messo a letto Max ed Ema.
Neanche ho dovuto dirlo. Un mito, grazie. Di meglio davvero non avrei potuto chiede. Un gran marito.

Ci mettiamo sul divano con una cioccolata calda e finiamo di guardare un video sull’intimità di coppia.
Chiacchiere tra noi non banali,non scontate….grazie perché quando esce dalla grotta sa parlare e confrontarsi.
Grazie anche della grotta,così mi riposo pure io e sto zitta.

Grazie per oggi e per tutto quello che non ho potuto fare, così resta qualcosa anche per domani, cucire, minerali, pannolini,lavatrici, presepe (che pessimi!!),Messa,letti da cambiare,musi da baciare, avventure da ascoltare….e scusa per l’amore non dato, per ogni attimo che non ho abbracciato pieno di te,per le volte che sono fuggita dalla tua offerta di oggi.
Più ci sto nella vita che mi hai dato,più ho voglia di Te e più voglio stare alle ore che mi regali.
Grazie! Solo grazie, per tutto e per sempre.

Rispondi