Quinta tappa: Ponte de lima

Quando conosci da vicino il pronto soccorso in Portogallo.

La giornata inizia con una colazione preparata da Fernanda e il marito. È troppo bella per rifiutare. Quindi ritardiamo la partenza e ci gustiamo con calma tutta questa bontà. La tappa che ci aspetta ci hanno detto che è molto bella, all ‘ombra e giunge a una città importante attraversando un antico ponte romano.

Il cammino è molto tranquillo,la strada davvero bella con tanti tratti in discesa. Questo ci permette di giostrare meglio le fatiche di tutti. Purtroppo si rivelerà troppo pesante e per i tendini della mia caviglia. I luoghi rurali attraversati sono al momento i più belli che ci sono donati.

Il ponte di Ponte de Lima

Su questo fantastico prato ci fermiamo a riposare, guardando il ponte nuovo di ingresso alla città. Ad un certo punto sento un fortissimo male a una caviglia. Non riesco più ad alzarmi. Il piede non va, ne in appoggio ne in scarico. Ho un punto di bruciore fortissimo. Nella “disperazione” della scena ad un certo punto p partono anche gli irrigatori e ci bagnamo tutti. È stato il regalo di un bel momento dentro una situazione brutta.

Il nostro contatto, Giovanni,viene a prenderci in macchina. Ci ospiterà a casa sua.

Nel pomeriggio mi accompagna in pronto soccorso dove mi danno un antinfiammatorio per bocca e consigliano riposo per qualche giorno.

Finiamo la giornata con un po’ di preoccupazione, qualche timore e molte domande;prima tra tutte: e adesso che facciamo?

Rispondi