San Luca Evangelista

Salve a tutti. Manchiamo da tanti mesi e in questo tempo sono successe davvero tante cose.

Per esempio abbiamo cambiato casa!

Vi racconteremo….

Oggi volevo invece raccontarvi che,essendo festa di San Luca evangelista siamo stati a visitare il Santuario della Madonna di San Luca vicino a Bologna.

Eravamo con altri amici, anche loro Homeschooler ed accompagnati da un timido sole mattutino ci siamo incontrati in basilica.

Vi lascio il sito da cui si può scoprire la storia e vedere le foto. Noi non ne abbiamo fatte perché non si poteva.

http://www.santuariobeataverginesanluca.com

L’icona venerata è stata dipinta dall’evangelista e ne abbiamo potuto apprezzare tanti particolari,oggi esposti in pannelli ordinati dentro la basilica.

Abbiamo detto un rosario con tutti i bimbi. Rosario molto rumoroso ma che ci ha attirato tanti sorrisi. In uno di questi convenevoli saluti mi è stato fatto notare che si poteva salire fin sopra la cupola. E così due mamme e sette bambini si sono avventurate in cima per 110 scalini piccoli e stretti a vedere il panorama su bologna a 180^.

Incredibilmente al nostro arrivo le nuvole iniziali della giornata si erano diradate e abbiamo goduto di una splendida vista.

È stato davvero bello e inaspettato.

 

Dopo per tutti una merenda e qualche corsa dietro ai piccioni!

Vorremo tornarci ogni anno in questo speciale giorno, approfondendo la storia di San luca, i particolari pittorici e gli affreschi e magari aggiungendo pezzi a questa speciale devozione carissima ai bolognesi. Chissà tra qualche anno potremmo salire a piedi lungo il bellissimo portico che precede la basilica.

 

 

2 Comments on “San Luca Evangelista

  1. Che bel posto!
    Una volta ci sono stata e ho percorso quel portico per salire, me lo ricordo bene!
    Grazie per il racconto e a presto!
    Ciao Ciao!

    • Deve essere stato proprio bello. Scendendo abbiamo costeggiato il portico,che emozione pensare alla moltitudine di gente che ci sarà passata. Oggi hanno fatto il passamano per San Luca rievocando il trasporto dei materiali di mano in mano fino in cima al colle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *