Tappa a Briallos

Camminare con altri stimola e sostiene!

Partiamo insieme agli amici conosciuti ieri, a un passo molto sostenuto, i gallesi vanno forte a piedi! Infatti presto ci separiamo e restiamo noi ed Alessandro!

All’ inizio andiamo molto bene, attraverso posti molto belli e una strada mai uguale,sia come tipo di terreno,sia come altitudine. Passate le prime due ore abbondanti, ci fermiamo per una sosta e un caffè. Un signore del posto riconosce le bimbe e ci dice che siamo sul giornale! In realtà, le bimbe sono in secondo piano e l’articolo è abbastanza diffamante. In sostanza, il giorno prima, al noto ostello di Pontevedra, c’era un giornalista spagnolo. Ha scattato qualche foto ai pochi italiani che c’erano e poi ha scritto un articolo in cui parla dell ‘affluenza del cammino (diminuita) e che il 60% dei contagi covid in Spagna, sono a causa del turismo da fuori. Un simpaticone!

Proseguiamo, senza curarci troppo della notizia del giornale. Diventa un ‘occasione perché Alessandro, che ha studiato sia portoghese che spagnolo, ci spieghi alcuni aspetti storici dei due popoli.

Attraversiamo la ferrovia, peschiamo acqua da un pozzo e poi arriva il momento di salutare Alessandro. La sua tappa non è ancora finita,la nostra invece si. Se riusciamo speriamo di vederci domenica a Santiago.

Ovviamente, scattiamo le foto di rito

È bello condividere un pezzo di cammino e quando ci si trova affini, offrirsi per rivedersi nelle rispettive città.

L’albergue che ci ospita, per il covid, è stato totalmente azzerato. Noi occupiamo tutti i suoi sei posti letto.

Ci siamo solo noi,aspetto bello dopo tanti giorni di ostelli grandi e chiassosi. Affianco alla struttura, c’è un “ristorante”, che ci concede la possibilità di mangiare dentro al fresco i nostri panini, consumando un solo menù del pellegrino. Scambiamo diverse chiacchiere con la proprietaria e la figlia.

Alla sera il bar/ ristorante è ancora aperto e ci riserviamo un momento tutto nostro.

P.s. Nell’articolo di ieri il video non si poteva vedere, ora si può vedere, avevamo sbagliato l’impostazione di pubblicazione.

Rispondi